Noi, madri nuove: la nostra lotta è in difesa della vita

di Francesca Comencini

ComenciniFrancesca450FandangoIn un sistema che considera fare figli una perdita di tempo e di profitto, in un mondo che lascia sole le madri, testarde guardiane delle relazioni e della vita, eccoci di nuovo a dover parlare di aborto.

In Spagna una proposta di legge del governo Rajoy vuole cancellare d’un colpo una legge che ne consente l’accesso. In Italia una legge di Stato, la 194, viene svuotata del suo contenuto attraverso un incosciente e strumentale uso di un’opzione che sta sotto la nobile dicitura di “obiezione di coscienza”. Oggi come allora, in nome della difesa della vita, torneremo a batterci contro questo attacco.

La decisione di interrompere una gravidanza risuona in un corpo consapevole di poter generare. Da questa consapevolezza, da questa potenza e da questa differenza deriva la facoltà di avere la prima e l’ultima parola. Essere forti di un corpo che si sa differente e che fa il suo ingresso nella piena cittadinanza rifiutando di disfarsi della propria differenza fa di noi delle madri nuove, mai esistite prima nella storia dell’umanità.

Madri nuove lo siamo tutte, che ciascuna scelga o meno di vivere l’esperienza della maternità. Tutte, aldilà delle nostre scelte e dei nostri orientamenti sessuali, portiamo iscritta nel nostro corpo la possibilità di generare e la riconosciamo come una chiave di comprensione del mondo e uno sguardo differente sugli umani.

Noi donne, nuove madri, produciamo ricchezza, pensiero, lavoro, e teniamo anche insieme le persone, le famiglie, la vita, i ricordi, gli affetti, le fragilità, i cocci. Se li mettiamo al mondo, mettiamo al mondo figli e figlie nuovi, che mai più potranno pensare di possedere l’altra da sé, né più potranno accettare di sottomettersi all’altro da sé.

La maternità non è più un nostro destino, è la nostra differenza, la nostra scelta e la nostra forza. E questo è possibile perché possiamo dire di no. In nome della maternità difendiamo il nostro diritto all’autodeterminazione. Esso fa di noi le madri che siamo, le donne che siamo, fa del mondo il mondo che è, fa degli uomini gli uomini che verranno. Non più spaventati dalla nostra forza ma da essa attratti, perché di loro non ha più bisogno, e non avere bisogno è la prima condizione dell’amore vero.

Si è aperto un nuovo cammino per le donne e per gli uomini, una via senza ritorno. Sotto la terra ancora non battuta di questa nuova via sta l’autodeterminazione delle donne, che non permetteremo più a nessuno di scalfire, in nome della vita, della maternità, dell’amore, di una carezza ancora non data, libera per sé e libera per tutti.

Annunci

Un pensiero su “Noi, madri nuove: la nostra lotta è in difesa della vita

  1. é un incubo dopo tutti questi anni, dopo tutte le lotte per la 194 ancora tentano lo scippo con scasso, non gli va proprio giú la nostra autodeterminazione………sono pronta a tornare in piazza in qualsiasi momento per difenderla !

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...