Presto un altro strumento per favorire la parità di genere

Valeria Fedeli su L’Unità 24 luglio 2013

fedeliNELLO SCENARIO DISEGNATO DALLA CRISI, CON SFIDE INEDITE DA AFFRONTARE E NUOVI PERCORSI DI CRESCITA DA REALIZZARE, IL RUOLO DELLE DONNE PUÒ ESSERE DECISIVO.

Per orientare le politiche pubbliche alla ripresa economica e produttiva, alla riduzione delle diseguaglianze, alla coesione sociale e all’equità, non si può prescindere oggi dall’analisi e dalla verifica dell’impat- to di genere, sulla scia dell’impostazione mainstreaming assunta in sede europea sin dal 2006.

Oggi in Italia le donne continuano a dover affrontare condizioni di vita più dure e discriminatorie. È una questione di modelli culturali, di stereotipi, di debolezze di sistema, di inefficacia delle politiche pubbliche.

Oggi in Italia lavora il 47,1% di donne, rispetto ad una media Ue del 58,6%. Chi lavora poi fatica a trovare posizioni qualificate, viene pagata meno degli uomini, non riesce a fare carriera. Ancor più con la crisi: tra il 2008 e il 2012, secondo i dati Istat, si sono persi 376.000 posti di lavoro qualificati occupati da donne, mentre le posizioni non qualificate sono 242.000 in più. Inoltre le donne continuano a essere pagate meno degli uomini: il gender pay gap italiano indica che, a parità di altre condizioni, in media la retribuzione ora- ria delle donne è dell’11,5% inferiore a quella degli uomini.

Pochi dati, ma già sufficienti a definire il sistema di disuguaglianze e disinvestimento economico in cui ci troviamo. Il fatto che poche donne lavorino e che siano relegate a ruoli meno qualificati determina uno spreco di un potenziale, quello femminile, che potrebbe essere il vero volano della crescita. Le donne hanno energie e intelligenze capaci di produrre qualità, etica, ugua- glianza, sviluppo. Ma in Italia vengono sprecate, quan- do non disprezzate.

Il ddl «Disposizioni per la valutazione dell’impatto di genere della regolamentazione e delle statistiche di genere», che abbiamo presentato ieri, con firme di tutti i gruppi parlamentari, vuole essere un grimaldello per sbloccare la situazione, e fare in modo che le scelte che abbiamo di fronte per far tornare la crescita siano orientate da un punto di vista di mainstreaming di genere.

Il ddl prevede un insieme articolato di misure mirate ad evitare che decisioni politiche e atti istituzionali – apparentemente neutri rispetto al genere – possano avere un impatto diverso su donne e uomini, anche non voluto.

È prevista l’istituzione di un Osservatorio consultivo sull’impatto di genere della regolamentazione pubblica. La produzione sistematica di statistiche ufficiali di genere, impegno già assunto dall’Italia con la sottoscrizione della piattaforma della Conferenza dell’Onu di Pechino sulla condizione femminile, nel 1995. Il coordinamento, poi, delle amministrazioni in materia di anali- si e verifica dell’impatto di genere delle normative.

La modifica, ancora, del codice delle pari opportuni- tà tra uomo e donna e della legge di riforma della contabilità pubblica, per includere l’analisi di impatto di ge- nere in termini economici ed occupazionali.

Il ddl mette l’Italia in linea con le indicazioni europee: nella tabella di marcia per la parità tra donne e uomini 2006-2010 della Commissione si sottolineava che «l’applicazione di metodologie in tema di parità tra donne e uomini, quali la valutazione dell’impatto rispet- to al genere e il bilancio di genere, favorirà la parità tra donne e uomini e apporterà maggiori trasparenza e affidabilità».

È l’ambizione di questo ddl. Non un intervento circo- scritto, urgente e culturale insieme, come ad esempio le proposte contro il femminicidio, con cui procede in parallelo, ma un modo per cambiare completamente la prospettiva di governo e di produzione normativa.

Il ddl è uno strumento, nell’insieme delle sue misure, di analisi preventiva e poi di verifica degli effetti delle normative e delle politiche pubbliche su cittadini e im- prese. Se approvato, come mi auguro, permetterà all’Italia una concreta azione di equilibrio nelle condizioni di vita di donne e uomini, integrando organicamente nel nostro sistema la cultura e le misure di mainstreaming di genere.

Sarebbe un bel segnale di cambiamento, un risultato importante per il Parlamento con più donne di sempre. Un incoraggiamento per il futuro, con la consapevolezza, però, che questa non è una battaglia delle donne, ma è la sfida dell’Italia.

Annunci

4 pensieri su “Presto un altro strumento per favorire la parità di genere

  1. Come capisco. Come condivido. Io essendo stata penalizzata 26 anni per essere donna e per aver trovato un marito travestito da amore ma al nudo un violento: Ho patito le pene dell’inferno dentro casa con un uomo così. L’unica mia via di fuga sarebbe stato un lavoro ma, con un uomo del genere tutto era reso molto, ma molto difficile. Ho cresciuto mio figlio nel migliore dei modi ma ho messo me stessa in un cassetto con i miei sogni e desideri. Il mio grande sogno di poter lavorare, il mio più grande desiderio di non essere più un oggetto malmenato ma una persona come tutte le altre. L’anno scorso ho detto basta. Un altro inferno perché all’inizio sembrava possibile ma poi nella mia città, si è scoperto il buco, la mancanza di supporti. Ed io messa in convivenze disumane ed ancora una volta lasciata al mio destino. Il mio piccolo lavoro precario che per me era una grandissima conquista, ha preso il volo insieme alla mia speranza di poter finalmente rinascere. Ora tutte le promesse di aiutarmi con corsi di qualifica ed altro, sparite. Ora il vuoto, il niente. Anche il dover mangiare per poter stare in vita, è un lusso. Perché bisogna farsi massacrare di botte o mporire di fame? Perché essere nata donna anziché uomo, ha questo prezzo da pagare?

      • Grazie di cuore. Io comunque sono una roccia e non permetto più a nessuno di massacrarmi..Ho mosso le montagne, anche con il cuore che mi scoppiava, ho mosso le montagne. Finalmente una speranza. Con le Donne della Regione, con le mitiche Donne del Consiglio della mitica Debora Serracchiani, forse andiamo dove si doveva andare già un anno fa. Ma io ho scritto varie volte alla Presidente della Camera. a Nichi Vendola alla nostra Valeria Fedeli ed anche al Presidente della Repubblica. Abbiamo la legge che aiuta il manesco perché più forte e abbiamo le istituzioni carenti. Abbiamo però anche Daniela che dice no, io non ci sto. Mi sono salvata da lui e devo morire per mano di chi doveva aiutarmi?

      • Non so se arriverà doppia. Meglio 2 che niente. Grazie di cuore. Ora “speriamo che io me la cavo” Potrei essere d’aiuto ad altre donne. So cosa vuol dire, non lo immagino, LO SO.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...